Come l'acqua de' fiumi

Come l'acqua de' fiumi

L’acqua che tocchi de’ fiumi è l’ultima di quella che andò e la prima di quella che viene. Così il tempo presente”. 

L’eterno divenire, non accettato come uno scorrere oggettivo, ma legato alla percezione soggettiva del tempo, dove ogni fine è anche un inizio, grazie alla capacità dell’uomo di trattenere il fiume che scorre, di abbracciarlo in ogni istante tutto, dalla sorgente alla foce.

La centralità dell’uomo nella concezione filosofica di Leonardo si esplica magnificamente in queste poche parole, riprese per dare il nome ad un Festival unico nel suo genere, che attraversa l’intera Regione Friuli Venezia Giulia dai monti fino al mare, lungo il corso dei suoi due principali fiumi, il Tagliamento e l’Isonzo.

Un viaggio che si presta a diversi piani di lettura: culturale, in quanto costellato di incontri con persone e realtà locali; musicale, perché ad ogni tappa è associato un concerto, ed infine sentimentale, perché i protagonisti di questo viaggio, Angelo Floramo, Mauro Daltin ed Alessandro Venier, personaggi di spicco nel panorama culturale regionale e amici nella vita reale, vivranno questa esperienza raccontando e raccontandosi a bordo di un camper, in un percorso che collega la fine di un appuntamento a quello successivo. Perché ogni f ine è anche un inizio. Come l’acqua de’ fiumi.

Enrico Cossio
Direttore Artistico