La rivoluzione gentile della consapevolezza. Dar voce al femminile per edu-carci ad una nuova società

Teatro Miotto, sabato 19 giugno 2021 ore 20.30

Incontro di parola con Piera Giacconi, Aurelia Barna, Chiara Segrado

Incontro di musica Le Pics ensamble

Prendersi cura dell’infanzia non è un’attività benefica di charity riservata ad attrici, desperate houswives e imprenditori alla ricerca di un ritorno pubblicitario. È una necessità della civiltà contemporanea, come dimostra la scienza grazie a ricerche trentennali su neurobiologia, psicosomatica ed epigenetica. Se vogliamo partecipare nella costruzione di una cultura più sana, e non solo limitarci a curare malattie e disagi psicosociali, possiamo contribuire a potenziare la voce delle donne. Possiamo fare in modo che l’altra metà del cielo dia il suo contributo ed esprima il proprio punto di vista in modo costruttivo. In famiglia, in azienda, nella gestione della comunità. Per evitare il perpetrarsi di simili comportamenti e di tanto dolore.

Con Piera Giacconi, Chiara Segrado e Aurelia Barna questo incontro metterà in luce come oggi sia di vitale importanza che le donne diano l’esempio e si prendano cura di loro stesse, in un momento storico di grande trasformazione economica e ambientale, di passioni tristi e crolli di certezze. Perché sulle loro spalle poggiano la cura dei figli e degli anziani, l’equilibrio della famiglia, il successo dell’azienda, l’efficacia dell’educazione pedagogica, l’amministrazione della polis.

L’incontro di parola sarà accompagnato dalla narrazione di fiabe millenarie che raccontano come si fa a maturare al punto da saper gestire con saggezza il potere del regno che siamo. Sono uno strumento particolarmente adeguato per l’empowerment della leadership nelle donne, ma anche in chi è discriminato, emarginato, oggetto di stereotipi e pregiudizi. L’incontro di musica che accompagnerà la narrazione avverrà sulle note da Le pics ensamble che interpreteranno anche un brano inedito della compositrice Maria Beatrice Orlando.

Piera Giacconi - La Voce delle Fiabe. Arte terapeuta, cantastorie millenaria. Fondatrice della Scuola Italiana Cantastorie nel 2010, dove trasmette il metodo L’Arte del Cantastorie in Medicina Narrativa con Fiabe, Gioco e Respirazione, che è certificato a livello internazionale. Dopo anni di ricerca applicata, i risultati sono stati presentati in importanti congressi internazionali di medicina narrativa dal 2014 al 2019. Docente in master universitari, è autrice dell’evergreen C’era una volta… un Cantastorie in azienda (FrancoAngeli, 2011). Come performer fa parte del PSG - Partnership Studies Group dell’Università di Udine, con cui è impegnata a diffondere il nuovo paradigma pedagogico dell’economia di cura, teorizzata da Riane Eisler. Dati inequivocabili dimostrano che, nelle imprese dove ci si è presi cura dei dipendenti e del territorio, anche profitto, benessere e sostenibilità ne hanno beneficiato. E la presenza femminile è stata la chiave di questi cambiamenti culturali all’interno delle aziende e della società.

Chiara Segrado. Una vita spesa nella cooperazione allo sviluppo, lavorando con ONG, Nazioni Unite, Gruppo Banca Mondiale e diplomazia multilaterale e umanitaria. Ho vissuto in India, Brasile ed Egitto, e visitato programmi in vari continenti. Attualmente vivo a Roma e lavoro alla Rappresentanza Britannica presso le Nazioni Unite. Quando è toccato a me diventare mamma ho potuto scegliere e con delle splendide ostetriche accanto ho deciso di partorire a casa. E l’esperienza è stata forte e meravigliosa. Empowering. Ho deciso di creare l’associazione AMINa perché sogno che tutte le donne possano trovare il loro potere in un parto consapevole e sicuro. E perché penso che cambiare le nascite significhi davvero cambiare il mondo, e non solo per le donne.

Aurelia Barna. Avvocata Cassazionista, da oltre trent’anni si impegna nella professione forense per garantire tutela nelle complesse dinamiche familiari e sociali, in particolare ai minori coinvolti nelle famiglie disfunzionali. Arricchisce l’aggiornamento giuridico costante e l’esperienza con le tecniche della Mediazione Familiare oltre che Civile e della Pratica Collaborativa, l’autorevolezza dell’Arbitro, la professionalità del Coordinatore Genitoriale e la maestria del Cantastorie. 

Cultrice dei temi pari opportunità, uguaglianza e discriminazioni di genere, nel 2006 ha svolto un’approfondita ricerca sulla presenza delle donne avvocato nelle Istituzioni e Associazioni dell’Avvocatura italiana, confluita in una relazione al convegno internazionale “European women lawyers day” (Roma, 2006). Lo studio è divenuto il primo riferimento organico e puntuale sulla consistenza dell’Avvocatura femminile italiana, fonte per studi e opere successive. 

Consapevole che la parità tra donne e uomini costituisce un diritto fondamentale, un valore per il conseguimento degli obiettivi di crescita, occupazione e coesione sociale, la condizione necessaria per un mondo prospero, sostenibile e in pace, si è spesa in svariate commissioni di pari opportunità istituzionali e associative e come Relatrice in convegni, seminari e conferenze su Pari Opportunità e Discriminazione di Genere in tutt’Italia. Oggi è membro della Commissione Regionale Pari Opportunità della Regione Friuli Venezia Giulia.

 

Maria Beatrice Orlando si laurea con il massimo dei voti e la lode sotto la guida del M° Renato Miani. Nel 2018 porta a termine il Biennio specialistico di composizione con il massimo dei voti e la lode, sotto la guida del M° Mario Pagotto. Nel 2020 ottiene il Diploma Accademico di I livello in pianoforte con il massimo dei voti e la lode nella classe del M° Luca Trabucco. Attualmente frequenta il Biennio Specialistico di pianoforte con la professoressa Anna D’Errico, approfondendo il repertorio contemporaneo. Suoi lavori sono stati eseguiti in numerose occasioni nazionali e internazionali (Mittelfest 2015, Amici della Musica di Modena, stagione musicale 2016/2017 del Teatro Comunale di Monfalcone, Istituto Italiano di cultura a Sofia, in Bulgaria). Da febbraio a giugno 2019 ha partecipato al progetto Erasmus-traineeship, presso l’Akademija za Glasbo-Univerza v Ljubljani, assistendo alcuni docenti dei corsi accademici e tenendo, in lingua slovena, lezioni aggiuntive di armonia, solfeggio, ear training e analisi delle forme compositive.

Clicca per la prenotazione del posto a sedere